Canistro: Santa Croce, assemblea dei lavoratori

santa-croce_canistro

Assemblea dei lavoratori della Santa Croce di Canistro davanti allo stabilimento con Sinistra Italiana: un anno fa il licenziamento di 76 dipendenti della Santa Croce che aspettano ancora le ferie non godute, alcune mensilità e il trattamento di fine rapporto.

“Gli ex operai sono ormai da un anno fermi e a conti fatti devono avere dalla Santa Croce circa 35mila euro ciascuno”, afferma Daniele Licheri, segretario regionale di Sinistra Italiana. “Per questo oltre a depositare un’interrogazione parlamentare su questa gravissima situazione, stamattina insieme al nostro deputato Giovanni Paglia, autore dell’interrogazione, siamo stati davanti allo stabilimento Santa Croce per fare un’assemblea con gli ex dipendenti e cercare insieme di trovare delle soluzioni”.

“A cavallo tra il 2015 e il 2016 – ricordano segretario e deputato in una nota – la società Santa Croce spa, proprietaria dell’omonimo marchio di acqua minerale e dello stabilimento di imbottigliamento di Canistro, viene esclusa dalla concessione di sfruttamento della risorsa idrica, a causa dell’annullamento da parte del TAR dell’aggiudicazione dopo il ricorso del Comune”.

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Canistro: Santa Croce, assemblea dei lavoratori"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*