Biodiversità marina: a Pescara la chiusura di Adriatic+

cetaceti11

Il Comune capofila del progetto internazionale per la tutela della biodiversità marina, Pescara, ospita la chiusura di Adriatic+.

La conferenza finale venerdì 18 novembre, dalle 9.30, al Museo Colonna.Il progetto “ADRIATIC + – Preservare l’ambiente e favorire lo sviluppo della blue economy” sarà oggetto dell’appuntamento del mattino, al quale interverranno il sindaco Alessandrini, gli assessori Diodati e Di Pietro, l’Autorità di Gestione del Programma Adriatic IPA, Paola Di Salvatore, la presidente dell’Ordine degli architetti, Laura Antosa, e il presidente del Comitato scientifico della Commissione baleniera internazionale, Caterina Fortuna; nel pomeriggio, in Comune, si svolgerà il meeting di partneriato, con la partecipazione di esperti e ricercatori coinvolti nel programma. ADRIATIC+ di cui il Comune di Pescara è capofila, è inserito nel programma di cooperazione transnazionale IPA ADRIATIC 2007/20013. Si tratta di un’importante occasione di confronto con altri Paesi dell’Adriatico, come Croazia, Slovenia e Montenegro. L’iniziativa, preceduta dal progetto NETCET dedicato alla dei cetacei e delle tartarughe nel mare Adriatico, conferma Pescara come punto di riferimento di un complesso piano di lavori volto a prevenire l’inquinamento, a tutelare l’ecosistema marino e a promuovere la biodiversità come elemento di valorizzazione per sviluppare il turismo sostenibile.

“La Conferenza finale – spiega l’assessore alla Tutela del Mondo Animale Giuliano Diodati – racchiude in sé e tesorizza il lavoro avviato negli scorsi mesi dall’amministrazione comunale con il Coast day, la manifestazione svoltasi lo scorso luglio, che ha visto la partecipazione di Capitaneria di Porto, Wwf, Legambiente, Marevivo, Centro Studi Cetacei, Lega Navale Italiana, Spazio Donna Abruzzo e Club Acquatico, protagonisti insieme a noi di una serie di iniziative scientifiche e ricreative chiuse con il concerto della cantante Fiorella Mannoia. Siamo estremamente soddisfatti dei risultati raggiunti, consapevoli della delicatezza e dell’attualità di un tema, quale quello della salvaguardia del mare, su cui ci stiamo impegnando a tutto campo”.

Venerdì, al termine dell’incontro al Museo Colonna, si terrà la cerimonia del passaggio di consegne dalla Città di Numana, partner del progetto, alla città di Pescara.

Al programma hanno collaborato la Fondazione CETACEA (IT), il Blue World Institute of Marine Research and Conservation , l’institute for Marine Biology of Montenegro, la Regione Marche,l’Istituto per la gestione delle acque , l’Istituto di oceanografia e della pesca, la Regione Emilia Romagna, la Regione Veneto, la Città di Numana, la Croatian Agency for the Environment and Nature, la Città di Venezia, l’ University of Primorska e l’Università di Padova.

Sii il primo a commentare su "Biodiversità marina: a Pescara la chiusura di Adriatic+"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*