Bilancio Chieti non approvato, il Pd chiede commissariamento

Saltati anche quest’anno i termini per l’approvazione del bilancio a Chieti. Il Pd spedisce gli atti alla Corte dei Conti e chiede un commissario ad acta.

L’iniziativa è del consigliere comunale Luigi Febo (nella foto), che -oltre a produrre l’esposto alla magistratura contabile- ha interessato anche il Prefetto, il segretario comunale e il collegio dei revisori dei conti, chiedendo la nomina di un commissario ad acta. Il 31 marzo è scaduto il termine entro il quale il Consiglio Comunale avrebbe dovuto approvare il bilancio di previsione 2017 e il pluriennale 2017-19. Febo sottolinea che ad oggi la Giunta è stata incapace di produrre “neppure gli schemi dei documenti finanziari, impedendo al Consiglio di esercitare la sua funzione”. Una paralisi che l’esponente del PD mette in contrasto con il solerte attivismo della Giunta Di Primio nell’infliggere ai cittadini la stangata con gli aumenti record della TARI, imposti nel giro di due giorni”.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Bilancio Chieti non approvato, il Pd chiede commissariamento"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*