Ballottaggio Civita D’Antino, minacce ai parenti della candidata

Clima teso nei giorni che precedono il ballottaggio a Civita D’Antino, dove le elezioni al primo turno finirono in parità: Minacce ai familiari di una candidata

Il sindaco uscente e ricandidato Sara Cicchinelli (nella foto), che il 5 giugno scorso ottenne lo stesso numero di voti (351) dello sfidante Antonio Di Francesco, non fa accuse dirette, ma denuncia un “clima pesante” alla vigilia del ballottaggio che è fissato per domenica prossima nel comune della Valle Roveto. Il sindaco ha messo al corrente anche i carabinieri di quelli che definisce “episodi minacciosi” verificatisi  nei giorni scorsi.

“False promesse (e fin qui saremmo nella normalità della campagna elettorale, ndr) ma anche lettere anonime spedite a miei parenti e amici e episodi intimidatori ai danni di elettori, fino a minacce tese a far fotografare il voto”. La Cicchinelli ha invitato i cittadini a non aver paura di segnalare alle autorità questi episodi che rovinano il clima della campagna elettorale

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Ballottaggio Civita D’Antino, minacce ai parenti della candidata"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*