A24 e A25, il Ministero non esibisce il PEF. SOA: “Andremo dai magistrati”

Accesso agli atti non ancora completato per il Pef delle autostrade A24 e A25. La Soa: “Ultima chiamata per il Ministero, poi andremo dai magistrati”.

La SOA ha reso noto di aver scritto stamattina, 6 settembre, per l’ennesima volta al Ministero delle Infrastrutture dove, nonostante il riesame favorevole da parte del responsabile della Trasparenza, “gli uffici della Direzione Vigilanza delle Concessionarie autostradali non stanno operando per assicurare la sollecita conclusione del procedimento relativo all’accesso agli atti sulla proposta di nuovo PEF per A24 e A25 depositata da Strada dei Parchi (del valore, secondo quanto riportato dalla stampa, di 3 miliardi di euro)”. La Soa ricorda che, secondo una nota del ministero, tale proposta non sarebbe accoglibile.

“Un procedimento che va avanti dall’11 maggio e che, secondo la legge doveva concludersi entro 30 giorni (50 considerando anche il riesame). In caso di ulteriori ritardi” -per l’associazione- “sarà inevitabile l’interessamento della magistratura”

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "A24 e A25, il Ministero non esibisce il PEF. SOA: “Andremo dai magistrati”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*