Anestesia, L’Aquila all’avanguardia

Anestesia-L'Aquila-avanguardia

Anestesia, L’Aquila all’avanguardia con una nuova tecnica praticata nel reparto del San Salvatore diretto dal dottor Tullio Pozone e spiegata nel corso di un convegno internazionale a Lubiana.

Si tratta di una nuova metodica di anestesia a paziente sveglio applicabile anche nel caso di complesse operazione chirurgiche come quelle della mammella e quelle di natura ortopedica. La tecnica è stata illustrata a Lubiana, in Slovenia, davanti al gotha degli anestesisti europei, dal dottor Pierfrancesco Fusco e dai componenti dell’equipe del nosocomio aquilano. Attualmente la tecnica è adottata da un ristrettissimo numero di centri italiani all’avanguardia.

“L’aspetto innovativo, che rende questo tipo di anestesia ‘locoregionale’ (cioè locale) più sicura ed efficace, consiste nel depositare con estrema precisione l’anestetico in prossimità del nervo che trasmette il dolore, grazie all’utilizzo di ultrasuoni: una vera rivoluzione” – hanno spiegato gli specialisti del reparto dell’ospedale San Salvatore.

La tecnica garantisce un migliore trattamento del dolore postoperatorio (quindi meno sofferenza del paziente) nonché una riduzione delle complicanze, soprattutto in pazienti ad elevato rischio. Un ulteriore beneficio è inoltre rappresentato dai tempi di permanenza più brevi in ospedale.

L'autore

Paolo Castignani
Giornalista professionista dal 1996, ha esordito nel 1982 come cronista sportivo per testate locali e nazionali. Ha all’attivo esperienze in radio, settimanali, agenzie di stampa e uffici stampa. Lavora dal 1988 a Rete8 dove, dal 2004, cura e conduce trasmissioni di medicina.

Sii il primo a commentare su "Anestesia, L’Aquila all’avanguardia"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*