Alunni autistici: a Pescara e Francavilla assistenti in ritardo

Autism therapy

Non si è conclusa in tempo per il primo giorno di scuola la procedura di assegnazione degli assistenti agli alunni autistici a Pescara. A Francavilla il problema risolto oggi. I genitori protestano contro la burocrazia. A Teramo due ragazzi restano a piedi.

In ritardo rispetto alla prima campanella l’assegnazione degli assistenti agli alunni autistici in due istituti abruzzesi, e i genitori protestano accendendo i riflettori sulla farraginosità delle procedure burocratiche. A Pescara, all’Istituto Di Marzio, il caso è stato sollevato da Victoriano Lemme, presidente dell’associazione Alba, il cui figlio autistico di 19 anni, assieme ad altri, non ha avuto assistenza in classe. Per le superiori quest’anno la competenza è passata dalla Provincia di Pescara al Comune e il bando per l’assegnazione del servizio non è stato ancora chiuso. Preso atto della disponibilità del personale della scuola a far seguire didatticamente il ragazzo da docenti nelle ore libere, evidentemente questa non rappresenta una soluzione: l’assistente è altro dall’insegnante curriculare o di sostegno. Il secondo caso si è registrato il primo giorno di scuola a Francavilla al Mare alla Scuola Masci, dove la Dirigente Scolastica ha assicurato sin da stamani la disponibilità di un operatore che ieri non era stato ancora individuato per un alunno di 13 anni, per una incomprensione negli uffici comunali sulla scelta dello specifico operatore all’interno della cooperativa convenzionata.

Un terzo caso di disservizio per i ragazzi autistici è stato segnalato a Teramo, dove due giovani del posto (di cui uno minorenne) sono stati lasciati a piedi a L’Aquila per l’assenza di un mezzo di trasporto, completate le terapie riabilitative. In questo caso, secondo quanto riferito dall’associazione Autismo Abruzzo, il Comune non avrebbe comunicato in tempo alla Asl l’avvio della presa in carico del servizio di trasporto.

LA REGIONE: “AUTORIZZATA LA PROSECUZIONE DEI SERVIZI”. La struttura commissariale per la sanità ha autorizzato ieri la prosecuzione dei servizi di assistenza scolastica agli alunni autistici. E questa mattina è stata inviata ai direttori generali della quattro Asl abruzzesi la disposizione, a firma del commissario ad acta per la sanità Luciano D’Alfonso e del sub-commissario Giuseppe Zuccatelli, che stabilisce la presa in carico – da parte delle aziende sanitarie – dei pazienti autistici e di quelli in trattamento per disturbi generalizzati dello sviluppo.

“Siamo dispiaciuti che nella giornata di ieri – sottolinea l’assessore alla programmazione sanitaria Silvio Paolucci – si siano verificati dei disservizi che hanno coinvolto alcuni studenti. Purtroppo si tratta di procedure che hanno iter complessi e tempistiche lunghe. Da parte della Regione, però, c’è massima considerazione e rispetto verso queste tematiche, tanto che nella nuova programmazione dei fondi, abbiamo previsto un consistente aumento delle risorse destinate a questo tipo di prestazioni”.

https://www.youtube.com/watch?v=SKa3UqY1IDY

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Alunni autistici: a Pescara e Francavilla assistenti in ritardo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*