Sedicenne di Vasto suicida in Emilia

carabinieriArresto-bis-Pescara

Un sedicenne di Vasto suicida in Emilia Romagna, dove la famiglia si era trasferita da anni. Il giovane si è sparato con la pistola del padre ex carabiniere.

Morire a sedici anni, morire per amore: come una tragedia d’altri tempi si è consumata e spenta la brevissima vita di un ragazzo di sedici anni. Capire chi decide di porre fine alla propria esistenza non è mai facile, ma risulta ancora più difficile quando a farlo è un ragazzo di sedici anni, uno di quelli cui attribuiamo stereotipi di spensieratezza e spavalderia. E invece no, Federico Luciani, doveva avvertire un tale peso sul suo giovane cuore da non essere più in grado di andare avanti, così ha preso la pistola del padre, ex carabiniere, e ha premuto il grilletto. Il dramma si è consumato così, in pochi istanti, a San Giovanni di Ostellato, in Emilia Romagna, dove il papà di Federico, originario di Vasto, si era trasferito con i figli (la mamma è morta anni fa) da quando era andato in pensione. Federico si sarebbe ucciso al ritorno da una gita a San Marino, sparandosi alla tempia con la pistola del padre, in quel momento fuori casa come anche la sorella. E proprio alla sorella, oltre che alla sua ex fidanzatina, Federico avrebbe inviato un sms in cui esprimeva l’intenzione di farla finita. I familiari  sono subito accorsi per fermarlo, ma sono arrivati troppo tardi. Sulla vicenda indagano i carabinieri di Ostellato.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Sedicenne di Vasto suicida in Emilia"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*