Ortona, morta la donna ustionata dalla carbonella

Non ce l’ha fatta Giovina Nelida De Iure, la 79enne di Ortona che venerdì scorso aveva riportato gravissime ustioni per un ritorno di fiamma sprigionatosi dalla carbonella su cui arrostiva i peperoni.

La donna è morta oggi all’ospedale Cardarelli di Napoli, dove era stata trasferita dopo un ricovero iniziale presso l’ospedale di Chieti.  Giovina Nelida De Iure aveva utilizzato l’alcol per accendere la carbonella nel cortile di casa, quando è stata investita da una grossa fiammata in seguito alla quale ha riportato ustioni sul 75% del corpo. A chiamare i soccorsi era stato il figlio della donna, mentre oggi la comunicazione del decesso è arrivata dalla direzione sanitaria del nosocomio campano. La donna, in un primo momento, era stata soccorsa dal 118 e ricoverata presso l’ospedale di Chieti; una volta accertata la gravità delle ustioni riportate era stata trasferita in elicottero nel centro ustionati dell’ospedale napoletano.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Ortona, morta la donna ustionata dalla carbonella"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*