Di Giuseppantonio: “Le strade della provincia di Chieti in stato pietoso”

Di giuseppantonio enricoDi giuseppantonio enrico

Le strade della provincia di Chieti sono in stato pietoso secondo Enrico Di Giuseppantonio. L’incidente che ieri ha bloccato per ore l’autostrada A14, creando problemi anche sulla statale adriatica, ha spinto il sindaco di Fossacesia ed ex presidente della Provincia di Chieti a sollecitare Regione e parlamentari abruzzesi ad occuparsi della situazione critica della rete viaria del territorio.

“Il traffico che ha paralizzato il traffico lungo la dorsale Adriatica ripropone l’inadeguatezza e la pericolosità della viabilità abruzzese, soprattutto nel tratto che attraversa la provincia di Chieti. – afferma Di Giuseppantonio – La rete viaria è in uno stato pietoso e medioevale, non è più in grado di sopportare un volume di traffico così intenso. Ogni volta che succede un incidente sulla A14, che in alcune parti è addirittura senza corsia di emergenza, manda in tilt tutta la rete stradale adriatica (statale e provinciale). Regione e parlamentari devono farsi sentire a Roma perché questa situazione provoca danni non solo all’Abruzzo ma all’ economia dell’ intero Paese. Ho chiesto al presidente della Regione Luciano D’Alfonso – conclude Enrico Di Giuseppantonio – di guidare una delegazione composta da sindaci e parlamentari per rappresentare direttamente al Governo le condizioni intollerabili delle nostre strade, soprattutto nel territorio della mia provincia”.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Di Giuseppantonio: “Le strade della provincia di Chieti in stato pietoso”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*