Pescara, per evitare lo sfratto minaccia di lanciarsi dal 7° piano

poliziapolizia

E’ accaduto in pieno centro a Pescara, tra via Battisti e via Muzi, dove un uomo di 56 anni ha minacciato di lanciarsi dal 7° piano per impedire lo sfratto. Tragedia sventata da vicini e poliziotti.

L’uomo ha perso il controllo alla vista dell’ufficiale giudiziario: era in casa con la moglie e un figlio quando l’ufficiale ha bussato alla sua porta per rendere immediatamente esecutivo lo sfratto. A quel punto il 50 enne ha aperto la finestra di una stanza minacciando di lanciarsi nel vuoto dal 7° piano: il tutto tra le urla della moglie e del figlio e lo sguardo atterrito di passanti e vicini. Solo il pronto intervento di una pattuglia della Polizia che si trovava a passare nei paraggi ha impedito il drammatico epilogo.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Pescara, per evitare lo sfratto minaccia di lanciarsi dal 7° piano"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*