Anche in Abruzzo occhio ai Comuni ‘spioni’

GUARDIA DI FINANZA CONTROLLO DOCUMENTI CONTABILI ISPEZIONE FISCALE

Anche in Abruzzo ai Comuni viene chiesto di fare la loro parte segnalando all’Agenzia delle Entrate evasori o presunti tali. A Pescara il corso di formazione.

Il ruolo degli Enti Locali nella prevenzione e nel contrasto all’evasione fiscale è fondamentale: a dirlo sono i dati nazionali in possesso delle Agenzie delle Entrate secondo i quali i Comuni più ‘spioni’ sono poi gli stessi che riescono a garantire più servizi ai propri cittadini avendo casse più piene di tasse pagate. Il corso di formazione che si è svolto questa mattina a Pescara è servito, quindi, ad addestrare gli amministratori locali a fiutare il cittadino evasore per poi segnalarlo a chi di dovere. A sorprenderci c’è un dato nazionale fornito dal Direttore regionale dell’ Agenzia delle Entrate in Abruzzo, Federico Monaco: la città italiana più virtuosa in tal senso è Reggio Calabria, laddove nella nostra regione ad aderire a questo speciale protocollo d’intesa, contro i furbetti delle tasse, sono ad oggi solo 31 comuni sul totale regionale. Al corso hanno preso parte anche le più alte cariche della Guardia di Finanza: il Comandante Regionale Flavio Aniello, nel suo intervento, ha lanciato un importante appello affinchè ‘ciascuno, cittadini e amministratori in primis, faccia la propria parte verso la costruzione di una società migliore’.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Anche in Abruzzo occhio ai Comuni ‘spioni’"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*