Martinsicuro, inglese ubriaco fece due morti, subito il processo

Sarà processato con il rito immediato l’automobilista inglese che, ubriaco al volante, travolse e uccise due pescatori sulla Ss.16 a Martinsicuro.

Gli elementi raccolti dagli investigatori sull’incidente e sullo status psicofisico dell’indagato sono sufficienti -per la Procura- a far ritenere che l’impianto accusatorio sia robusto; per questa ragione il Pm di Teramo Laura Colica ha chiesto il rito immediato per processare Stephen Collins, il 36enne automobilista inglese che la notte dello scorso 19 dicembre, ubriaco fradicio al volante, scatenò la carambola mortale sulla ss.16 a Martinsicuro in cui persero la vita due pescatori. Travolta dal Suv guidato dal britannico a folle velocità, l’utilitaria ferma al semaforo venne scaraventata per diversi metri sulla carreggiata e morirono sul colpo Graziano Battistelli di Tortoreto e Marco Iampieri di Alba Adriatica, che erano diretti al lavoro al porto di San Benedetto del Tronto. Rimasto a sua volta ferito nell’incidente, Collins è ora ai domiciliari in una abitazione di Ladispoli. Adesso andrà subito sul banco degli imputati, senza passare per l’udienza preliminare.

LA CRONACA DEL TERRIBILE INCIDENTE, CLICCA QUI

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Martinsicuro, inglese ubriaco fece due morti, subito il processo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*