Bus all’Anagnina, è il giorno del “No”

Consiglio comunale straordinario de L’Aquila e conferenza stampa congiunta di Regioni Abruzzo e Lazio stamani all’autostazione Tiburtina. Si contesta il dirottamento del terminal dei bus all’Anagnina.

Tiburtina si Anagnina no. Tutti gli amministratori locali, abruzzesi e laziali, hanno indossato la spilletta d’ordinanza per dire no allo spostamento del bus terminal della stazione Tiburtina all’Anagnina, scelta contenuta in una delibera della giunta capitolina che prevede una spesa di 600mila euro per il nuovo hub. Il presidente della Regione Abruzzo, Giovanni Lolli, ha definito la decisione dell’amministrazione Raggi “sbagliata perché aumenta di molto il tempo di percorrenza delle decine di migliaia di persone che, ogni giorno, vanno e vengono tra Abruzzo e Lazio. Se la decisione non viene modificata inizieremo una protesta più energica”.

 

Prima che scadesse la concessione, la società Tibus, che gestisce il servizio, aveva chiesto all’architetto Ettore Pellegrini di realizzare un project financing che Tibus “potrebbe mettere a bando avendo il diritto di prelazione, per la realizzazione di una piazza di collegamento con la stazione Tiburtina e una nuova bus station”, ha spiegato l’architetto. “La Regione Lazio non ha potere per intervenire – ha spiegato l’assessore regionale alle Politiche abitative, Urbanistica e Ciclo dei Rifiuti Massimiliano Valeriani – ma sono qui per esprimere la mia solidarietà contro una decisione non giusta”. “Presenteremo una mozione in consiglio comunale per chiedere la modifica della delibera”, ha aggiunto il presidente del gruppo capitolino Fratelli d’Italia Andrea De Priamo, mentre il sindaco di Pescara Marco Alessandrini auspica ci sia un dialogo “perché il muro di gomma non ci piace”. E a questo proposito il sindaco di Avezzano, Gabriele De Angelis, ritiene “indegno non riuscire a parlare con la sindaca o con l’assessore. Oggi dobbiamo avere una data certa per un incontro”. Durante il sit-in di questa mattina, che si è tenuto proprio davanti all’autostazione Tibus, il consiglio comunale dell’Aquila si è riunito simbolicamente; per il vicesindaco Guido Liris “non può essere permesso al sindaco di Roma di ferire nuovamente il nostro territorio. È il momento di dimostrare cosa significhi città sorelle”.

 

L’assessora alla città in movimento del Comune di Roma Linda Meleo, durante un collegamento con il Tg8,  ha smentito categoricamente la dichiarazione del sindaco De Angelis affermando che c’è stato un contatto e che a giorni sarà fissato un incontro. Il provvedimento è temporaneo e il trasferimento del terminal bus all’Anagnina sarà effettuato non prima del 2019 e , dopo lavori di riqualificazione, i bus torneranno in via Tiburtina “.

 

Presenti a Roma anche i manifestanti del Coordinamento dei quartieri del VII Municipio, dove è anche l’Anagnina, che protestano contro il trasferimento perché sarebbe per loro disagevole.

L

 

L’ on Gaetano Quagliariello, parlamentare eletto in Abruzzo, ha dichiarato : “E’ una vera e propria provocazione questa del Comune di Roma. In una fase in cui si discute dei problemi di A24 e A25 si decide di creare ancora più problemi incentivando la mobilità privata piuttosto che quella pubblica”. Nella foto in basso l’on. Quagliariello e il consigliere regionale Pietrucci:

 

IL COLLEGAMENTO FACEBOOK NEL CORSO DELLA MANIFESTAZIONE:

 

A conclusione della manifestazione il presidente Lolli ha annunciato che sarà inviata una lettera al Comune di Roma per fissare un incontro urgente e, se entro una settimana non arriverà una risposta, tra 7 giorni “manifesteremo in Campidoglio. 

LA SOLIDARIETA’ PER I RIFIUTI

C’è una cosa che mi viene dal cuore e devo dirla: quando ci è stato chiesto di accogliere parte dei rifiuti di Roma, che era in emergenza, noi con grande sacrificio lo abbiamo fatto perché siamo un Paese e dei problemi dobbiamo farci carico insieme. Ora ci aspettiamo la stessa sensibilità e attenzione”. Il presidente della Regione Abruzzo Giovanni Lolli non ha usato mezze misure nell’indirizzare un messaggio chiaro alla sindaca di Roma Virginia Raggi.

“Qualche settimana fa – ha rincarato l’assessore regionale del Lazio all’Urbanisica, Ciclo dei Rifiuti e Politiche Abitative Massimiliano Valeriani – abbiamo prorogato l’accordo per lo spostamento di una parte dei rifiuti in Abruzzo e gli abruzzesi lo hanno fatto nonostante il malcontento per la decisione su Tibus”

SERVIZIO DEL TG8:

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Bus all’Anagnina, è il giorno del “No”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*