Abruzzo, Guardia di finanza. I primi cinque mesi 2016: “stretta” sulla ricostruzione

?????????????

E’ sempre ancora la ricostruzione post-sisma l’aspetto che emerge più preponderante tra quelli che assorbono le attività in Abruzzo della Guardia di Finanza, che insieme a tutte le altre forze dell’ordine e alla magistratura da sette anni controllano uno dei settori che più incide sulla spesa pubblica non solo all’Aquila, ma in molta parte dell’Abruzzo.

A rimarcarlo è stato questa mattina il comandante regionale della Guardia di Finanza, Flavio Aniello, in occasione della cerimonia per i 242 anni della fondazione del Corpo. Una cerimonia sobria e partecipata non solo dai rappresentanti delle autorità locali, ma anche di tanti familiari di finanzieri. La festa anniversaria è stata l’occasione per tracciare un bilancio del lavoro dei primi cinque mesi dell’anno. Attività che ha riguardato attività investigative e indagini di polizia giudiziaria sui reati in campo economico e finanziario, come ha spiegato il comandante Aniello, che nella sua relazione ha definito l’Abruzzo “regione non messa male in quanto a fedeltà in un panorama nazionale”.

Nell’ambito della ricostruzione post-sisma sono stati accertati oltre 3 milioni di euro di contributi percepiti in modo illecito; controllati appalti per 18 milioni; danni erariali accertati per 8 milioni; sequestrati valori per quasi 20 milioni. Decine le attività svolte nel contrasto all’evasione, alle frodi fiscali e al sommerso, con 55 persone denunciate per reati tributari e sequestri per un valore di 3 milioni e mezzo, 124 i lavoratori impiegati in nero scoperti in Abruzzo e 50 i datori di lavoro che hanno fatto ricorso a manodopera irregolare nei primi 5 mesi dei quest’anno. La Guardia di finanza è impegnata anche nel contrasto dei reati di contrabbando, di gioco illegale, di illeciti nella spesa pubblica e nella pubblica amministrazione,nel contrasto alla criminalità economica e finanziaria e nei traffici illeciti. Al termine della cerimonia sono stati premiati i militari dei comandi provinciali abruzzesi e del reparto operativo aeronavale di Pescara, che si sono distinti nelle loro attività nel corso dell’anno. Intitolata al luogotenente Demetrio Antonio Mariani scomparso di recente la palestra del comando regionale della Guardia di Finanza.

Guarda il servizio del Tg8:

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "Abruzzo, Guardia di finanza. I primi cinque mesi 2016: “stretta” sulla ricostruzione"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*